Archivio della categoria: Salute

Pranzo all’aria aperta: come sbarazzarsi delle zanzare?

Con l’arrivo della bella stagione non c’è niente di più piacevole che godersi un pranzo all’aria aperta con la famiglia o gli amici. Peccato, però, che come ogni anno con il caldo arrivi anche il tradizionale momento della lotta alle zanzare, che puntuali piombano nei nostri giardini e vi stazionano fino all’autunno, rendendo insopportabili i nostri momenti di relax. Eppure di metodi per combattere le zanzare ce ne sono di diversi, peccato che perlopiù non siano molto efficienti e duraturi.

Spesso, inoltre, tra zampironi, candele, spray repellenti, trappole e scaccia insetti vari, non si sa più in che direzione orientarsi per riuscire a trovare la soluzione definitiva per dire finalmente stop alle zanzare. Esiste, però, un sistema antizanzare che è realmente efficace e definitivo: iZanz. Tale rimedio non solo viene utilizzato per eliminare quei fastidiosi insetti dal giardino di casa, ma anche dalle grandi aree verdi di parchi e piscine. iZanz è un rivoluzionario sistema antizanzare da esterno, brevettato dall’omonima azienda produttrice.

L’impianto è formato da una centralina elettronica che, in modo del tutto automatico, emette da una serie di piccoli ugelli, una finissima nebbiolina composta da acqua e da un insetticida completamente naturale, il piretro. Tale sostanza viene estratta da un fiore africano ed è molto velenosa per numerosi insetti, infatti viene spesso utilizzata anche come insetticida nell’ambito dell’agricoltura biologica.

Utilizzando, quindi, una sostanza al 100% naturale e non dannosa nè per l’uomo nè per gli animali domestici, non ci si deve nemmeno preoccupare di respirare o entrare in contatto con sostanze chimiche nocive. Indubbiamente il metodo ideale soprattutto se in famiglia ci sono bambini o amici a quattrozampe, due categorie di soggetti ancora più sensibili ai prodotti chimici rispetto alle persone adulte. Oltre che efficace e sicuro da un punto di vista salutistico, per dire basta zanzare con iZanz ci vuole anche pochissimo tempo.

Il sistema di questo antizanzare da giardino, infatti, si attiva autonomamente nebulizzando per circa 60 secondi l’insetticida. Questo accade due volte al giorno: all’alba ed al tramonto, i due momenti migliori per eliminare le zanzare senza, però, attaccare anche insetti innocui ed utili come, per esempio, le api. In questo modo, attraverso la nebulizzazione dell’insetticida naturale, si crea una vera e propria barriera che rende inaccessibile il giardino di casa, anche se questo confina con quello di altri. La soluzione a base di piretro è utile anche per tenere lontane mosche, ragni e tafani.

Questo innovativo sistema, inoltre, è a basso consumo e a ridotto impatto ambientale. Infatti, un impianto composto da dieci ugelli riesce a coprire un’area di ben 100 metri quadri, impiegando un solo litro di insetticida nell’arco di quattro mesi, ossia dalle sei alle dieci volte di meno rispetto ad altre soluzioni a base di sostanze chimiche come gli zampironi o altri tipi di emanatori. Finalmente, quindi, un metodo davvero efficace, veloce e definitivo per dire basta alle zanzare in giardino e godersi in tutta serenità pranzi, relax e giochi all’aria aperta senza ospiti fastidiosi e pruriti incessanti!

I sogni premonitori: come interpretarli?

 

Libri e film si sono spesso ispirati all’affascinante tema dei sogni premonitori. L’idea infatti che il nostro subconscio possa prevedere quello che può accadere nei giorni venturi e svelarcelo nel sonno ha nei secoli attraversato credenze filosofiche e religiose di diverse culture. Che si creda si tratti di vera preveggenza, casualità o messaggi divini a molti è capitato avere un’esperienza di questo genere. Si resta sempre un po’ sconcertati quando capita, ad esempio, di sognare una persona che non si vede da lungo tempo e il giorno dopo incontrarla o ricevere una sua telefonata. Accade anche di sognare come vada a concludersi un affare che ci sta molto a cuore e vedere nei giorni a venire che il sogno aveva ragione. Si può allora parlare di “preveggenza” nel significato dei sogni? La psicologia suggerisce che il termine più esatto sarebbe quello di intuizione. Il nostro subconscio sarebbe cioè in grado di aumentare le nostre prospettive e permettere a forte senso dell’orientamento emotivo di capire autonomamente certi aspetti della realtà di là da venire. Un teoria molto più affascinante sostiene poi che quei sogni che ci sembreranno poi premonizioni siano in realtà solamente capaci di superare le barriere intellettive umane dello spazio e del tempo per attingere le loro informazioni in una sorta di primordiale “inconscio collettivo”. Esisterebbero cioè informazioni ed energie di tipo ancestrale che certe tipologie di attività oniriche sono in grado di cogliere attraversando incredibilmente epoche e luoghi. Spesso i sogni premonitori sono infatti collegati allo stato di salute di persone a noi care. Si parla di telepatia tra gemelli piuttosto che della particolare attività onirica delle donne gravide e delle puerpere. Sembrerebbe in questi casi che il nostro cervello possa entrare in contatto con questo inconscio ancestrale e avere accesso intuitivo a informazioni che riguardano il futuro anche delle persone appartenenti alla nostra cerchia di appartenenza. Certo, si tratta di una filosofia complicata che cerca di sostenere come sia possibile per l’ io entrare in contatto con l’universo e il suo “progetto”. Comunque stiano realmente le cose, i sogni premonitori sono un fenomeno diffuso e spesso causa di quella piccola sensazione di irrequietezza al risveglio.

 

 

 

Come combattere la pancia gonfia

 

La pancia gonfia è un disturbo che ci fa sentire stesso a disagio e fuori forma, specialmente quando iniziamo ad “esplodere” nei vestiti. Di solito tendiamo ad attribuire il gonfiore a qualche chilo di troppo ma in realtà le cause della pancia gonfia possono essere svariate.
La più frequente è dovuta ad un eccesso di gas intestinali, mentre altre cause possono essere intolleranze alimentari, menopausa, ovulazione, ritenzione idrica, sindrome premestruale e così via.
Per sapere i rimedi per la pancia gonfia dobbiamo dunque prima risalire alla causa. Ad ogni modo possiamo vedere dei piccoli accorgimenti da adoperare per evitare il gonfiore di pancia.
Primo tra tutti l’alimentazione! Ci sono determinati cibi che è preferibile evitare come i lievitati e tutti quei cibi che sono di difficile digestione. Inutile dire che alcol e bibite gassate vanno dimenticati totalmente in quanto si vanno a depositare interamente sul nostro addome.
Tra i nostri cibi possiamo inserire yogurt e fermenti lattici che aiutano a regolare l’intestino, così come anche fibre e cereali.
Un’altra nemica della nostra pancia è senza dubbio la fretta, infatti mangiare velocemente e masticando poco e male non farà altro che farci ingerire maggiori quantità di aria che finiranno dritte nella pancia.
Al di là di ciò bere molto ci può senza dubbio aiutare per quanto riguarda la questione della ritenzione idrica che come abbiamo detto può essere un altro motivo di gonfiore.
Contro la pancia gonfia possiamo anche aiutarci con determinate erbe da ingerire attraverso le tisane. Tra le erbe più efficaci che ci possono aiutare a sgonfiarci troviamo: finocchio, cannella, anice, carvi, zenzero.

 

Il modo corretto di bere l’acqua

 

L’acqua è un elemento fondamentale per il nostro corpo e per tale ragione si dice che sia necessario berne almeno 2 litri al giorno e non solo per la questione della ritenzione idrica come siamo solite pensare.
L’acqua porta benefici sotto diversi punti di vista che in alcuni casi non ci verrebbe mai da immaginare come ad esempio alla pancia. Sapevate che l’acqua aiuta a combattere il gonfiore della pancia? Proprio così! Tra i vari consigli per appiattire la pancia c’è proprio quella di bere molta acqua in quanto aiuta sia per la cellulite che per liberarsi dal fastidioso gonfiore dell’addome.
Altri benefici dell’acqua riguardano pelle e capelli che hanno bisogno dell’idratazione proveniente “dall’interno” per avere un aspetto più sano e brillante.
Dunque per fare in modo che si attivino tali benefici è necessario assumere i famigerati 2 litri di acqua al giorno, ma nella maniera più corretta possibile!
Non basta bere l’acqua ma c’è anche un metodo che serve a fare in modo che il corpo tragga più vantaggi possibili dalla sua assunzione, quindi vediamo qual è il modo giusto di bere i nostri 2 litri di acqua giornalieri.
Il segreto sta nel bere a pochi sorsi alla volta in modo da non invogliare nell’immediato la vescica e dare il tempo al corpo di assorbire l’acqua ingerita.
Ciò che dobbiamo fare quindi è distribuire bene durante tutto l’arco della giornata l’acqua da assumere dividendola tra la mattina e la sera.
In linea di massima possiamo dire che l’ideale sarebbe bere il primo litro tra le 8.30 del mattino e le 12.30 e il secondo litro tra le 14.30 e le 20.30.
E durante i pasti?
Beh qui è facile trovare scuole di pensiero opposte ma in realtà bisognerebbe bere un sorso d’acqua tra una portata e l’altra per aiutare a fluidificare i succhi gastrici. Si dice anche che bere due bicchieri d’acqua subito prima di mangiare aiuti a dimagrire. Insomma per quanto per molte donne sia difficile bere 2 litri d’acqua al giorno sembra proprio che invece lo sforzo da fare sia valido grazie a tutti benefici che ne derivano.

 

 

Tagli capelli 2012: i tagli da sposa

 

Il giorno che hai sempre aspettato si sta avvicinando, finalmente potrai indossare l’abito bianco tanto sperato e pronunciare il fatidico sì. Tutto è
Pronto, la cena al ristorante, la serata in albergo, la prenotazione per il viaggio di nozze, ma…

E i capelli?

È il giorno più importante della tua vita e non hai pensato al taglio di capelli che immortalerà questo ricordo bellissimo,niente paura, forse sei ancora in tempo per vedere i nuovi tagli capelli corti 2012.

Che tu li voglia corti o lunghi o colorati o ancora scalati, non importa, la cosa fondamentale è che in quel giorno tu avrai il taglio che più ti fa sentire a tuo agio. Non è una scelta da prendere sotto gamba, i capelli, infatti, sono il contorno del viso e il taglio capelli rispecchia una parte del nostro mondo interiore, comunicando agli altri ciò che siamo.

Ecco perché risulta importante non agire a caso, non andare dal parrucchiere e lasciare che sia la sua fantasia a plasmare ciò che vuoi comunicare, di tagli capelli ce ne sono moltissimi e molte di più possono essere le varianti dettate dalla tua fantasia, si te stessa ed esprimi il tuo carattere.

Gravidanza extrauterina come risolvere

 

La gravidanza extrauterina è una condizione decisamente seria che può portare gravi complicazioni. In caso di questa particolare gravidanza, l’ovulo fecondato si ferma nella tuba o nell’ovaia dove è stato fecondato, anziché scendere nell’utero. Rimanendo nella tuba diventa un corpo extraneo e da luogo a gravi infezioni. Uno dei primi sintomi di gravidanza extrauterina è certamente una febbriciattola, che comunque può essere connessa allo stato di gravidanza e si rischia di non dargli peso. Se però trascorro dalle 5 alle 6 settimane dal momento che l’ovulo è fecondato, allora si possono manifestare una serie di disturbi decisamente invasivi.

La gravidanza extrauterina può portare forti dolori al basso ventre, solitamente proprio all’altezza delle ovaie, e ampio sanguinamento. Se non bloccata in tempo, un attacco di questo tipo può condurre dritti dritti verso l’asportazione della tuba interessata. Se invece viene presa in tempo, la gravidanza extrauterina può essere sconfitta con una terapia antibiotica mirata. Condizione perfetta, nella malaugurata sorte di una gravidanza extrauterina. Nessun intervento e nessun dolore. Se non quello morale, soprattutto se il bambino lo volevamo ed eravamo convinte di portare in grembo una creatura. In linea generale possiamo consigliare di recarsi precocemente dal medico nona ppena si pensa di essere incinta. con uan ecografia il ginecolofgo sarà in grado di scongiurare la presenza di una gravidanza extrauterina.

 

Calcolo ovulazione: il test

 


Molte coppie sanno quanto sia utile fare il calcolo ovulazione, se si vuole avere un bambino. Uno strumento molto utile in questo caso, è l’utilizzo dei test di ovulazione, ottimi strumenti per predire l’ovulazione e il tempo più fertile di una donna durante il ciclo mestruale. A differenza dei grafici di fertilità, i test di ovulazione anticipano l’ovulazione e  non solo, confermano anche che l’ovulazione è avvenuta.

I test di ovulazione funzionano rilevando l’ormone luteinizzante (LH). Poco prima dell’ovulazione, effettuando il test, le donne noteranno un “picco di LH” particolarmente elevato e improvviso. I test di ovulazione rilevano questo picco di LH, che consente di prevedere con precisione quando avviene l’ovulazione, completando, eventualmente altre procedure atte al calcolo dell’ovulazione. Il risultato positivo in un test di ovulazione significa che la donna, molto probabilmente, diventerà fertile nei i prossimi tre giorni, con un massimo di fertilità 36 ore dopo il picco di LH.

Ma vediamo come funzionano questi preziosi ausili al calcolo dell’ovulazione. All’inizio del ciclo mestruale, il corpo comincia a produrre l’ormone follicolo stimolante (FSH). FSH facilita la formazione di un follicolo su una delle ovaie. Il follicolo contiene e nutre l’uovo. Quando un follicolo è maturato in modo adeguato, un’ondata di ormone luteinizzante (LH) fa sì che il follicolo scoppi e rilasci l’ovulo nelle tube di Falloppio: è il momento dell’ovulazione.

Durante il ciclo mestruale, una piccola quantità di LH viene prodotto comunque, ma durante la metà del ciclo mestruale di una donna l’LH aumenta drasticamente. Quantitativi elevati di ormone luteinizzante facilitano l’ovulazione  e i test sono in grado di rilevarlo attraverso degli anticorpi anti-LH contenuti sulla parte sensibile del test.

Il picco di LH è molto breve e al fine di rilevarlo, una donna ha bisogno di effettuare il test nel momento giusto, sia del mese che della giornata. Ecco il motivo per cui si consiglia di effettuare il test, come parte integrante del calcolo dell’ovulazione, a metà giornata e intorno al decimo giorno dopo l’arrivo del ciclo mestruale.

 

Colesterolo alto e ipertensione cause della azotemia alta e i suoi sintomi

 

Colesterolo alto, ipertensione, azotemia alta e i suoi sintomi, sono spesso collegati. Tenere sotto controllo una di queste patologie ci aiuterà a debellare le altre. La ipertensione in particolare è una condizione piuttosto pericolosa perché porta con se problemi cardiaci e renali non indifferenti. Per sconfiggerla possiamo ricorrere a medicinali specifici, ma in molti casi questi non sono necessari. Molto spesso infatti la ipertensione dipende da una cattiva alimentazione.

Così come il colesterolo alto che non sempre da sintomi capibili facilmente. Solitamente anche il colesterolo alto si debella grazie all’uso una alimentazione corretta, priva di grassi e sale. Bere molto e fare una regolare attività fisica saranno armi da usare per combattere non solo il colesterolo alto ma anche ipertensione e azotemia lata con i suoi sintomi.

Avere una alimentazione adeguata, quindi povera di grassi, ricca in frutta e verdura e meglio se razionata in più pasti nell’arco della giornata, farà di voi delle persone sane. Che soffriate di colesterolo alto, ipertensione o azotemia alta e i suoi sintomi, evitate di mangiare male e vedrete subito i primi miglioramenti. Non solo perderete peso, e già questo sarà un punto a vostro favore, ma ridurrete anche i liveli ematici di queste sostanze che possono portare conseguenze pericolose.

La azotemia alta ha sintomi non sempre riconoscibili, ma che conducono spesso a gotta, tubercolosi, problemi cardiaci e renali. Insomma una condizione grave che va debellata. Esattamente come si deve fare per il colesterolo alto e per la ipertensione. Sembrano malattie da niente, comuni, diciamo, ma in realtà sono molto pericolose perché possono condurre alla morte.

Meglio tenere sotto controllo l’alimentazione per debellare colesterolo alto, azotemia alta e ipertensione e perché no, fare attività fisica. Se poi attraverso una corretta alimentazione non si risolve, il medico vi prescriverà dei farmaci mirati.

 

Colon irritabile e gonfiore addominale, come fare

 

Colon irritabile? Sai cosa significhi esattamente? Problemi intestinali quali: stitichezza, stipsi, diarrea, gonfiore addominale e alterazione della frequenza delle evacuazioni. Anche tu soffri di questi disturbi? Allora è meglio che ti sottoponi ad una visita specialistica e che individui la causa del problema, che spesso risiede in delle “infezioni batteriche”.

Tuttavia, i batteri non sono l’unica causa del tuo disturbo, in effetti, molti medici non hanno ancora ben chiaro cos’altro possa scatenare la sindrome, alcuni la attribuiscono allo stress o ad una cattiva alimentazione. Di fatti, non si può negare che le tensioni emotive che scatenano gli stati di ansia, il senso di colpa, l’umiliazione e il risentimento, producono un aumento delle secrezioni della mucosa intestinale, un aumento delle contrazioni muscolari e un abbassamento della resistenza della mucosa ad agenti aggressivi.

Cosa fare? Identificare la causa e combatterla! Seguire un’alimentazione corretta ed evitare di stressarsi. Quindi cerca di ridurre alimenti che potrebbero causarti del gonfiore addominali quali il latte e i suoi derivati, alcune verdure come le cipolle, i fagioli, il sedano, le carote, i cavoletti di Bruxelles e alcuni frutti come l’uva passa, le banane, le albicocche e il succo di prugna. Un piccolo aiuto per combattere la pancia gonfia? Assumere dopo i pasti del carbone attivo.

 

Come migliorare la qualità del sonno

Il sonno è il periodo in cui il nostro organismo si riposa e quindi la qualità del sonno risulta molto importanti per poi dare il meglio durante la giornata. Mentre dormiamo i battiti del cuore rallentano e la pressione del sangue diminuisce, mentre i neuroni del cervello producono una particolare sostanza, la serotonina, che ci porta ad uno stato di calma e benessere.
Il sonno è quindi un momento fondamentale: favorisce tutti i processi di rigenerazione e crescita e permette di fissare nella memoria le esperienze fatte durante la veglia.

Se ci capita spesso di dormire male o poco, con il tempo accumuleremo un “debito di sonno” sempre più grande, che finirà per influenzare la nostra attività quotidiana, il nostro umore e la qualità della nostra vita.

Sul sonno influisce molto anche l’ambiente che ci circonda: vivere e dormire in un posto inospitale o sgradito diminuisce la quantità e la qualità del sonno.
Altri fattori, spesso ignorati perché invisibili, concorrono in modo subdolo e dannoso a disturbare il nostro sonno: l’elettrosmog, i campi magnetici, le onde ad alta frequenza.
Per evitare che questi invisibili nemici ostacolino il nostro riposo occorrerebbe eliminare dalla camera da letto stereo, cellulari, computer, televisione, sveglie elettriche,
tutte cose che ormai fanno parte del nostro quotidiano!