Archivio della categoria: Abbigliamento

Strass: tendenza outfit e non solo

La tendenza moda più caratteristica ed imitata riguarda i brillantini e gli strass che illuminano abiti, accessori e cosmetici. Si tratta di una vera e propria mania che oltre Oceano ha conquistato anche le star che amano sfoggiare interi outfit brillantinati. Le collezioni della stagione autunnale 2014-2015 relative alla calzature vedono un vero e proprio tripudio di strass, punti luce e perle applicate a decollete, ballerine e stivali. La stagione fredda è all’insegna degli inserti preziosi, romantici e raffinati come quelli che si possono realizzare sui tacchi delle proprie scarpe, rendendole subito eleganti, moderne e ultra chic. La stessa tendenza si riscontra per il make up, dove si trovano rossetti, ombretti e matite glitterate da abbinare con smalti arricchiti con strass e piccoli Swarovski. Grazie all’inserimento di questi punti luce, la nail art non solo diventa più preziosa ma anche più luminosa e divertente e può anche ispirarsi a momenti particolari come Natale, Pasqua o il ritorno della primavera.

Negli Usa, l’abitudine ad inserire brillantini o strass su oggetti e stoffe viene chiamata bling bling ed è diventato un fenomeno di costume che piace proprio a tutti.
Gli strass consentono di creare, da soli, capi d’abbigliamento unici e personalizzati. Per divertirsi ad arricchire scarpe, borse o semplici t-shirt è possibile utilizzare gli strass termoadesivi , sicuri, pratici e facili da applicare; infatti, dopo aver scelto la collazione, è sufficiente proteggerli con del tessuto e poi passare il ferro caldo per pochi secondi, in modo che possano aderire perfettamente.

Con i brillantini o gli strass si possono realizzare disegni, scritte e tutto ciò che viene suggerito dalla fantasia. Le superfici da decorare sono davvero tantissime: dagli accessori personali, al portamonete senza dimenticare la custodia del telefono e l’agenda; infatti, sono pensati appositamente per aderire ad una svariata quantità di materiali, fra i quali rientra anche la pelle. Per utilizzare gli strass e realizzare dei veri capolavori la spesa da affrontare è davvero minima mentre il risultato è sempre garantito; in rete, oltre a trovare numerosi siti internet dedicati alla vendita di Swarovski, strass e perline, si trovano moltissimi esempi da imitare, sia per quanto riguarda l’abbigliamento che le borse, gli occhiali o i gioielli.

Con queste simpatiche decorazioni si possono realizzare svariati regali home made, perfetti per le imminenti festività natalizie come sciarpe, borse, cappelli ma anche portacandele, bottiglie e tanto altro.
Inoltre, gli strass sono indispensabili per decorare la casa in occasione di Hallowenn o di capodanno impreziosendo piatti, bicchieri tovaglioli e confezioni floreali.

Come tenersi informati sulle tendenza degli abiti da sposa? Ci pensa la rete!

 

Il mondo degli abiti da sposa, si sa’, è uno di qualli che ogni anno cambia, ma che in fin dei conti porta con se’ dei valori e delle tradizioni difficili da far mutare. Quando si parla di matrimonio, il primo pensiero, innegabilmente, va’ all’abito bianco che ogni brava sposina indossa.

Ma, perché pensiamo sempre al bianco? Esistono abiti per le spose di tantissimi altri colori, non lo sapevate?

Ebbene si, perché la moda va’ sempre avanti e le tendenze in questi anni stanno modificando gli standard, creando vestiti nuziali con stili e colori innovativi.

Internet, come al solito, è il veicolo più veloce per far fluire le informazioni relative alle nuove mode ed è per questo che i blog del settore sono quelli maggiormente consigliati per tenersi informati.

Nelle città più aperte ai cambiamenti, infatti, non è difficilissimo vedere una sposa con abito rosso, blu o verde. Alle più conservatrici sembrerà veramente strano, ma ognuno fa’ quel che vuole al proprio matrimonio.

E poi questi abiti sono veramente belli, mettono allegria e fanno tanto effetto: basta guardare le foto che girano per la rete degli abiti da sposa colorati, per capire quanto possano essere fantastici. Modelli e generi per tutti, la tendenza su questo non fa’ eccezioni.

Dopotutto, perché rimanere indietro, ancorati al bianco della tradizione, se nel proprio spirito si ha la voglia di cambiare e rendere il proprio matrimonio più colorato ed avvincente?

 

 

Piegare una maglietta

Piegare una maglietta può sembrare una operazione semplice però quante volte ci siamo ritrovati ad indossare magliette spiegazzate perchè non erano state riposte bene. Una maglietta va piegata bene innanzitutto perchè conservarla in ordine ci permette di indossare magliette non spiegazzate, inoltre spesso una piegatura perfetta ci necessita dal fatto di dover riporre la maglietta in una busta dalle misure standard.

Quindi se vi ritrovate una maglietta piegata non correttamente avrete il risultato che per riporla dentro la busta dovrete piegare ulteriormente la maglietta rovinando così il lavoro. Come sempre internet ci viene in aiuto prontamente. Andando su youtube e scrivendo piegare maglietta abbiamo selezionato per voi tre video che illustrano i modi corretti di come si piega una maglietta.

I giapponesi, come al solito, ci battono alla grande in queste cose. Guardate con che rapidità piega la maglietta questa dagazza.

Togliere macchie

Saper togliere macchie dai vestiti o dai tessuti è una gran cosa. Molto spesso ci possono essere utili i famosi rimedi della nonna per riuscire a togliere una macchia dai capi delicati senza rovinarli. Molto spesso ci troviamo ad usare degli smacchiatori industriali che ci risolvono sì il problema della macchia sul vestito ma molte volte poi ci ritroviamo con grande disappunto un bell’alone sulla zona trattata. Molto spesso poi l’inconveniente di macchiarsi capita in luoghi dove non possiamo disporre di uno strumento apposito quindi è giocoforza ricorrere a quelle piccole nozioni che ci possono risolvere, o almeno ridurre, l’inconveniente. Un caffè al bar che ci macchia i pantaloni, uno schizzo di sugo al ristorante e voilà, la macchia sulla giacca è fatta ed ora il problema è toglierla.

Quindi vi andiamo a fornire i suggerimenti della nonna per togliere le macchie dalle principali cause. Ecco, macchia per macchia, alcuni rimedi efficaci con un minimo impiego di sostanze chimiche.

Iniziamo dalla classica macchia di vino. Può succedere spesso che il nostro bicchiere o quello di un nostro amico si rovesci e finisca su pantaloni o camicia.
Come immediato rimedio si può usare il normale sale da cucina, di quello fine mi raccomando, far asciugare il capo poi lavarlo normalmente. In caso di tessuti particolarmente delicati invece  si può invece tamponare con acqua miscelata ad acqua ossigenata. Ricordatevi però di impiegare sei parti d’acqua ed una di acqua ossigenata altrimenti potreste rischiare di far danni al capo.

Per quanto riguarda la macchia di arancia possiamo operare ammorbidendo la zona della macchia  con glicerina e poi risciacquare con acqua tiepida.
Per le macchie di birra possiamo agire sulla seta, mischiando parti uguali di acqua e alcol e applicare questo composto sulla macchia con una spugnetta. Invece se il capo di abbigliamento è di lana usare acqua con un poco di detersivo
Le macchie di bruciato vanno trattate subito con un composto di acqua e aceto o succo di limone e dopo procedere a sciacquare con molta attenzione.  trattare immediatamente con acqua e aceto o con succo di limone, sciacquare accuratamente.

Le macchie di burro si risolvono facendo bollire la zona da trattare in acqua e sapone. Questo vale per capi non delicate.

Le macchie di cacao vanno trattate con glicerina tiepida e poi sciacquare bene il capo.

Anche per macchie di caffè si può usare il solito trattamento

Per quanto riguarda le macchie di erba si può agire, per quanto riguarda i capi in cotone e in bianco, mettendo a mollo in acqua ben calda e poi risciacquare molto bene. Per i capi delicati usare l’ammoniaca.: per il cotone e il bianco, mettere a mollo in acqua molto calda, quindi risciacquare.
Volete un bel trucchetto per togliere la gomma da masticare che si è attaccata ai vostri vestiti: mettete il capo da trattare in un sacchetto e lasciatelo per un’ora dentro il congelatore. Vedrete che a quel punto la macchia si potrà rimuovere con facilità.

Le macchie di inchiostro si risolvono mettendo a mollo la parte con la macchia in acqua e limone e dopo un po’ far bollire con detersivo. 

Le macchie di rossetto si mandano via sfregando con glicerina e dopo (quando la macchia si è sciolta) lavandolo bene.

Le macchie di ruggine si trattano con succo di limone.

Allacciarsi le scarpe

Oggi vi spieghiamo i sistemi più efficaci su come allacciarsi le scarpe.

I lacci delle scarpe sono una delle prime cose contro le quali ci troviamo a combattere da bambini. Non per niente quando parliamo di qualcuno immaturo diciamo: quello non sa ancora allacciarsi le scarpe da solo!

Questo vale soprattutto per i vari modelli di scarpe da ginnastica. Non per niente negli anni si sono sviluppati tantissimi modelli per evitare questa rottura di scatole di allacciarsi le scarpe. Fra i metodi più sperimentati possiamo sicuramente ricordare il modello senza lacci e con la chiusura a velcro. Avevano sì il pregio della regolazione rapida ma a quanto mi ricordo io avevano per contro il fatto dell’usura e della strizzatura del collo del piede nei punti dove c’era il velcro.

Per un certo periodo i colossi delle calzature sportive hanno tirato fuori un curioso metodo di allacciamento con una  rotella posta sopra il collo del piede: è durato un lampo e poi è scomparso dalla produzione.

Devo ammettere che io sono rimasto fedele al tipico modo di “allacciamento”, quello tradizionale con i lacci.

Qui sotto vi abbiamo selezionato i migliori video che vi illustrano i migliori e più conosciuti metodi per allacciarsi le scarpe.

 

Qui un altro video sui vari tipi di allacciatura di scarpe:


Date ora un’occhiata a questo ragazzo su come riesce ad allacciarsi le scarpe senza usare le mani: